A cosa serve questo blog

Salve a tutti, volevo minimamente spiegare perchè è nato questo blog e di cosa tratta, ma prima di tutto vi volevo dire chi sono io…

Sono solo uno tra tanti.
Uno per cui la tecnologia è uno degli strumenti che consente una crescita dell’individuo.
Uno che crede fermamente che il vero divario tra poveri e benestanti sia in realtà il divario tra chi può informarsi e chi non può.
Attualmente, diciamocelo, lo Stato con le sue scuole non è che possa fare molto. I tagli continui ovunque portano ad un drastico abbassamento della qualità dell’offerta formativa statale.Internet pare un qualcosa di scomodo da offire agli alunni, quando invece se ben usato è uno strumento perfetto per insegnare.
Credo che il vero divario sia oramai tra chi può e chi non può accedere a Internet.
Chi può accedere può diventare (se lo vuole) una persona informata ed ampliare la propria cultura, chi non può resta sempre al palo, con i servizi erogati dallo Stato o dai Comuni dai quali dipendere.
Credo che ora come ora tante siano le persone che hanno accesso alla Rete e che ne sfruttano in minima parte le pontenzialità di connessione. Ovviamente il wi-fi è diventato quasi obbligatorio , sia perchè si è assistito al boom dei tablet e degli smartphone, sia perchè non è agevole fare fori e crene nei muri per tirare cavi di rete.
Sono fermamente convinto che le reti wi-fi condivise possano esistere, che più persone possano beneficiare della rete wi-fi del vicino in cambio di un qualcosa stile baratto (tu mi fai accere a internet, io ti porto la spesa in casa, per esempio).
Questo porterebbe maggiore penetrazione di Internet nelle nostre case, permettendo alle persone meno abbienti di essere informate e di fare davvero una cittadinanza attiva e partecipata.
Per questi motivi ho scelto di portare avanti questo sito e questa ricerca, come la chiamo io.

Voglio catalogare tutte le reti wi-fi attualmente in attività a Rapallo.

Non ho finalità politiche nè tantomeno voglio mettere nelle mani di giovani lamer wannabe una lista di posti dove scroccare la connessione, anzi. Mi occupo di sicurezza IT da anni, e provo un sacro rispetto per chi sa come “bucare” una rete, così come provo sacro furore per i ragazzini alle prime armi che pensano di fare il buono ed il cattivo tempo con un software non scritto da loro.
Voglio solo vedere se a Rapallo è giunta la massa critica di reti wi-fi per poter minimamente pensare alla mia utopia.
Ovviamente la mia ricerca ha anche altri aspetti più personali e diciamo anche ludici.
Voglio imparare ad usare bene Open o Libre Office per l’ordinamento dei dati, voglio imparare la struttura e sintassi dei files di Google Maps, voglio farmi un giro nelle zone di Rapallo che poco conosco o che non ho mai frequentato, voglio mettere insieme tutte queste cose e vedere se riesco a cavarne fuori qualcosa di utile, oltre che saziare la mia curiosità.

Per comodità ho deciso di usare Windows come sistema operativo, mi trovo molto più a mio agio con Linux Backtrack , ma so che la maggioranza degli utenti è piuttosto spaesata davanti a Linux.
Da meso oramai sto affinando il processo operativo che passa dall’acquisizione dei dati alla messa in ordine ed alla loro pubblicazione usando sempre software gratuito (sia open source che freeware) in modo da poter offrire a chiunque lo voglia una sorta di vademecum operativo e direi che dopo numerosi test è giunta l’ora della messa in funzione del tutto.

L’hardware utilizzato è datato e tutto sommato di basso costo e facile reperibilità, diciamo che tra computer, scheda wifi, antenna e gps la spesa si aggira al di sotto dei 500 euro, ed i risultati possono essere tutto sommato ottimi ;-)

Nei prossimi post spiegherò la toolchain (ovvero la catena di software) che ho implementato, così come pubblicherò le rilevazioni, i percorsi, le mappe e tutto il resto, fino ad arrivare ad una mappa completa di Rapallo vista solo sotto l’ottiva delle reti wi-fi.

A presto,

Fenotipo Opinabile

commenti
  1. Betatester scrive:

    Caro Fenotipo, condivido molto di quanto hai scritto.. e aggiungo che ai nuovi arrivati manca la curiosità di come le cose funzionino e se possano andare meglio. Non c’è più tanto la voglia di sapere in prima persona… ora si aspetta chi ci spiega come vanno le cose.
    Spero tu possa incontrare molti giovani curiosi e che questo tuo tentativo non vada perso.. alla prossima….

    Betatester

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...