Il come ed il perchè del MAC

Pubblicato: novembre 28, 2011 in miscellanea, software, Spiegazioni
Tag:, ,

Il cosiddetto indirizzo MAC o MAC address è in realtà una sigla che sta per Media Access Control.
Quasi ogni apparato di rete, che sia scheda ethernet, wifi , router o access point ha il suo indirizzo MAC. In via teorica ogni apparato di rete ha il suo indirizzo MAC unico , praticamente una targa, anche grazie alla struttura del MAC stesso che permette di avere la bellezza di 281.474.976.710.656 indirizzi univoci.
Il mac solitamente si presenta sotto forma di codice alfanumerico con le coppie suddivise dal simbolo – oppure : .
Tali coppie vengono chiamate otteti , ed ogni indirizzo MAC è composto da sei otteti , dove i primi tre sono l’identificativo del produttore dell’apparato e gli ultimi tre sono il seriale dell’apparato stesso.
Un esempio di otteto potrebbe essere 00:14:7C:B6:D5:2C , e da questo si può risalire al produttore dell’apparato, usando i primi tre otteti che sono 00:14:7C.

Per fare questa ricerca si possono usare molti siti, io uso spesso il sito di Network Administrator anche se mi ha sempre infastidito cercare un MAC alla volta.

Per questo cercando in rete mi sono imbattuto nel MACAddressView della NirSoft che mi permette di incollare una lista di MAC ed avere in cambio una lista di produttori con i MAC “epurati” degli ultimi tre otteti. A quel punto non devo far altro che copiare ed incollare nel mio foglio di Calc e sono a posto! Consiglio caldamente di scaricare anche il file suggerito, ovvero la lista dei venditori aggiornata dal sito della IEEE, reperibile qui

Io uso il MAC per poi estrapolare quanti apparati di un produttore X esistano in Rapallo, in modo poi da stilare eventualmente liste di apparati più diffusi o altro, vedremo in futuro. Magari non lo userò, ancora non lo so, ma visto che devo mettere ordine nei dati a prescindere, includere una colonna in più non mi stravolge la vita…

Qualche domandina facile facile…

A cosa serve il MAC in ambito wifi?
La cosa migliore che si possa fare del MAC è usarlo come ulteriore sicurezza nella propria rete, potete inibile l’accesso a tutti i MAC address che non sono stati preventivamente approvati.

Come trovo l’indirizzo MAC delle mie schede?
Sotto Windows basta aprire il prompt dei comandi e scrivere ipconfig /all ed alla voce “Indirizzo fisico” viene presentato il vostro MAC.

Come cambio il MAC in Windows?
Se la vostra scheda lo permette , selezionate la scheda, scegliete Proprietà, poi Avanzate ed alla voce Indirizzo di rete dovreste vedere il MAC e cambiarlo. Basta anche solo un numero diverso nella posizione che volete, ma tenere presente che i numeri vanno dallo 0 al 9 e le lettere da A ad F.

Come cambio il MAC con un programma?
Io solitamente uso Technitium MAC Address Changer che trovo comodo, completo e con diverse funzioni utili, tipo il la forzature del lease time del DHCP. Molti usano un tool molto più “striminzito” che è il SimpleMAC ma io lo trovo troppo spartano.

Advertisements
commenti
  1. emaky ha detto:

    Ciao, ho una domandina facile facile per uno sgamato come te! Da curioso a curioso volevo chiederti perchè si continua a sviluppare driver per il riconoscimento del tal modello piuttosto che un semplice riconoscimento del MAC in maniera univoca senza che magari venga visto più volte se cambi ad esempio porta usb nell’inserire una qualunque chiavetta!

    • wifirapallo ha detto:

      Anzitutto perchè il MAC (o meglio la parte assegnata) ti fornisce solo le info sul produttore. Sarebbe carino implementare un mac “esteso” dove ogni produttore potesse mettere oltre alla tipologia di dispositivo anche la release firmware in modo da avere un’identificativo univoco, ma questo porterebbe ad avere dei mac ingestibili, oltre che cambiare l’architettura di rete di tutta internet, con conseguenza da paura…
      Giusto per farti un esempio, i seguenti mac sono tutti assegnati alla D-Link per le sue varie linee di prodotti :
      00-13-46-XX-XX-XX
      00-17-9A-XX-XX-XX
      00-19-5B-XX-XX-XX
      00-1B-11-XX-XX-XX
      00-1C-F0-XX-XX-XX
      00-21-91-XX-XX-XX
      00-22-B0-XX-XX-XX
      00-24-01-XX-XX-XX
      34-08-04-XX-XX-XX
      F0-7D-68-XX-XX-XX
      E questi sono solo alcuni mac assegnati a questa ditta…

  2. emaky ha detto:

    Più che giusto, un bailamme! Ma ecco, visto che il MAC corrisponde al tuo indirizzo di casa, è da paranoici pensare che le compagnie che ti offrono il loro router in comodato oltre a guadagnarci con l’affitto dell’apparecchio possano controllare in remoto come effettui il tuo traffico?

  3. wifirapallo ha detto:

    Non è da paranoici, ovvio che se io CompagniaTelefonica ti do in comodato un mio hardware mi segno il mac da qualche parte, anche solo per vedere se quando scindi il contratto mi restituisci il mio hardware.
    Per il controllo remoto però sarebbe necessario un firmware ad hoc e non dovrebbe essere rilevabile il controllo della CompagniaTelefonica. Più semplice per loro monitorare l’effettivo traffico in uscita, non credi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...